Podistica la Stanca

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Notizie flash

VOTA LA TUA GARA PREFERITA NELLA ZONA RISERVATA AI SONDAGGI!

 

28° Maratonina Citta' di Pistoia

E-mail Stampa PDF

Grande festa questa mattina in zona Sant'Agostino per la 28° edizione della Maratonina di Pistoia, alla quale hanno partecipato 1800 atleti fra competitivi e non.  L'evento si è svolto su un percorso composto da due giri che ha attraversato il centro storico pistoiese, per poi fare ritorno in Via Fermi e dintorni.
La manifestazione si è aperta con la partenza di 30 Maratonabili, che hanno spinto le carrozzelle dei diversamente abili per tutti i 21,097 km.
Starter di eccezione è stato Salvatore Bettiol, medaglia di bronzo ai mondiali di maratona di Seoul nel 1987 e quattro volte campione nazionale sulla medesima distanza.

Il traguardo maschile è stato dominato dal continente africano, con tanto di sprint finale per la prima posizione a rendere il tutto ancora più emozionante; alla fine ha avuto la meglio il keniano Bernard Kipsang Chumba (1h04'36'') sul suo connazionale Joash Kipruto Koech. A 4' di distanza dai primi due, si è piazzato il marocchino Jaouad Zain. Il primo italiano a tagliare il traguardo è stato Domenico Passuello (La Galla Pontedera) con un buon tempo di 1h09'21''.

La categoria femminile invece è stata teatro di un bellissimo episodio di sportività, nella sua semplicità; la ruandese Claudette Mukasakindi, poi rivelatasi la vincitrice, ha accusato dei crampi che le hanno quasi impedito di camminare, proprio sul traguardo. La sua inseguitrice, la keniana Ruth Chebitok, anziché beffarla all'arrivo "rubandogli" il successo, ha aspettato che vincesse la gara, dimostrando che questo sport è (o meglio, dovrebbe essere) prima di tutto rispetto dell'avversario. Alla fine Mukasakindi è arrivata col tempo di 1h14'44'', mentre la sua sportiva collega ha impiegato 1h14'49''. Il terzo gradino del podio è stato occupato dalla keniana Eunice Chebet, mentre la prima italiana è stata Denise Cavallini (GS Lammari), impiegando 1h22'01'' per percorrere i 21 km.

Anche 15 dei nostri Stanchi competitivi hanno compiuto questa piccola impresa. Ecco tutti i tempi:

Massimiliano  Izzo 1h25'01''
Paolo Palandri 1h27'29''
Giovanni Ferrara 1h27'48''
Francesco Niccolai 1h29'54''
Moreno Stefanini 1h30'14''
Lorenzo Pazzelli 1h30'41''
Donato Sorice 1h32'41''
Tommaso De Coro 1h34'00''
Federico Grani 1h34'40''
Simone Gamenoni 1h42'04''
Giacomo Gamenoni 1h44'20''
Giuseppe Buda 1h44'56''
Gianina Forcos 1h47'40''
Lucia Donati 1h48'26''
Ambra Parrini 1h'53'25''


Un grande ringraziamento anche a tutti i nostri numerosi atleti non competitivi che si sono presentati a questa grande festa.

Per la classifica generale, clicca qui.